MANDOLA

La mandola è uno strumento musicale a plettro. Appartiene alla famiglia dei liuti, che discendono dall’oud Arabo arrivato in Europa nel medioevo.

La mandola ne è una variante italiana di origine cinquecentesca, affine al mandolino insieme al quale si è evoluto ed è entrato a farne parte della famiglia.

Accordatura della Mandola e i diversi modelli

La mandola ha otto corde organizzate in quattro cori accordati all’unisono.

Esistono due tipi di Mandola:

  • La mandola tenore presenta la stessa accordatura del mandolino ma un’ottava sotto (sol, re, la, mi). Il diapason misura circa 44 cm;
  • La mandola contralto è accordata come la viola, una quinta sotto al mandolino (do, sol, re, la). Il diapason di 40,5/41 cm.

Utilizzo della Mandola nella musica colta e nella musica popolare

  • La mandola contralto è utilizzata nelle orchestre a plettro dove ricopre il ruolo che la viola svolge in orchestra.
  • Nella musica popolare, però, la mandola tenore viene preferita alla mandola contralto per la facilità dell’accordatura simile al mandolino.
  • La mandola è utilizzata come strumento melodico, armonico e ritmico.

    La Mandola nel duo Cordaminazioni

    Nel duo Cordaminazioni la mandola è suonata dal maestro Luca Fabrizio e dialoga con la Chitarra Battente del maestro Marcello De Carolis in vari brani tipici del Sud Italia.

    La mandola utilizzata dal maestro Luca Fabrizio è una mandola tenore.

    Nel loro primo disco Cordaminazioni la mandola e la chitarra battente dialogano sulle note di: “A sud di Mozart” di Eugenio Bennato e la “Tarantella” di Antonio Calsolaro.